Informazioni sulle misure dei passeggini trio: quali parametri bisogna valutare?

Quale trio è preferibile scegliere? E’ il punto di domanda più posto dalle mamme, in vista dell’arrivo di un bebè. Favorire un passeggino anziché un altro è una faccenda, di certo, personale e non esistono consigli efficaci, che siano valevoli per tutte. Tuttavia, ci sono alcuni criteri di organizzazione necessari. di cui non si può non tenere in considerazione, ai fini di un guadagno in termini di praticità e durata. Vi chiariamo allora le diverse peculiarità da vagliare per poter procedere ad un acquisto informato.

Un esame pre –acquisto così da poter comprare un trio che possa rivelarsi una vera ricchezza per i vostri spostamenti, brevi o lunghi che siano. Prima di avviare questa mini analisi, per chi fosse a digiuno dall’argomento, vi specifichiamo che il trio, in genere, dovrebbe essere composto da queste parti: un telaio, una navicella o culla, il passeggino e l’ovetto.

La struttura di un trio

La chiusura del telaio può essere predisposta in diversi modi perlopiù, viene scelta quella “a pacchetto” perché si stringe in pochi istanti e anche facilmente, addirittura con una sola mano. Pratica insomma e senza dover impiegare troppa forza.

Le misure

Una volta aperto il passeggino, valutate la lontananza tra le due ruote ovvero la larghezza che occupa, il passeggino; alcuni modelli infatti sono certamente splendidi, da un punto di vista estetico, ma presumono grossi vani in cui essere inseriti e altrettanto ampi ascensori per poter essere alloggiati.

Si consideri infatti che la stragrande maggioranza dei passeggini in commercio – di famosi brand– non possa poi immettersi negli ascensori standard dei palazzi o venga inserito con notevoli difficoltà negli androni. L’elemento dei “passaggi” da attraversare, spesso, non è preso in considerazione durante la fase di acquisto della struttura.

A tal proposito importante selezionare un trio che abbia dei comodi e pratici agganci, perché la l’operazione di aggancio e sgancio dell’ovetto dal telaio può avvenire tante, tantissime, volte al giorno. E non può verificarsi in modo articolato.
Ipotizzate di dovere, in tempi veloci, mettere la spesa in automobile e contemporaneamente sganciare l’ovetto, abbassare il telaio e sistemare il bimbo; diverrebbe una operazione difficile se il tutto non fosse ordinato da passaggi semplici, quasi automatici.

Gli agganci per la sicurezza

Accertatevi che il seggiolino abbia gli agganci isofix. La maggior parte delle macchine, infatti, sono preordinate per questo impianto di sicurezza. Inoltre, controllate che la base sia mutabile in diverse posizioni: in questo modo si potrà allineare alla crescita del bambino e concedergli uno spazio adeguato alle gambe fino ai due anni di età.

La visuale dal passeggino

Come colloco il corpo del passeggino? O come mi viene proposta la visuale della struttura? Sarebbe preferibile orientarsi verso un modello che possa essere direzionato in entrambe i sensi: ovvero verso la mamma, per i primi mesi di vita, ma anche fronte strada così da scoprire il mondo che lo circonda. Man mano che il bambino svilupperà meglio i sensi, infatti, si interesserà quanto vedrà e vorrà essere disposto in modo da poter scrutare ogni dettaglio di ciò che succede dinanzi a lui. E se vorrà appisolarsi?

Accertatevi, a tal motivo, che lo schienale si possa reclinare completamente. I bambini piccoli dormono sovente nel passeggino, anche durante le passeggiate, e se lo schienale non è reclinabile, non potrete continuare il vostro passeggio perché il suo sonno sarà disturbato dato che la posizione non sarà congeniale alla fase di riposo.

Capottina della carrozzina

E’ considerevole esaminare il tessuto della capottina ; deve anzitutto esibirsi in tessuto impermeabile all’esterno oltre che traspirante all’interno. Alcune capottine hanno una finestra per far fluire l’aria e consentire alla mamma di controllare il bambino.
Passate in rassegna anche ai pannelli che concepiscono la capottina; devono essere perlomeno tre per potervi dare sicurezza di protezione, specie dal sole. Se la capottina è ridotta, dovrete dotarvi di ombrellino parasole poiché i bimbi sono molto infastiditi dal sole quando sono seduti nel passeggino.

Modelli salvaspazio

Uno dei privilegi di avere un passeggino trio è la sua caratteristica salva-spazio. E’ veramente un ostacolo importante, infatti, quando si viaggia con i bambini, il doversi portare dietro troppi congegni. Alcuni modelli invece di passeggini trio possono essere addirittura trasportati da chiusi in modo semplice perché favoriti da un manico e da una borsa per caricarlo a spalla.

Accessori

Come dovrebbero essere le ruote di un passeggino maneggevole?
E’ preferibile che le ruote siano ammortizzate e ultra-leggere. Rispetto alla cintura, al contrario, questa dovrebbe presentarsi spessa; ce ne sono comunque di diversi modelli. Dovrete solo misurarle ed optare per quella che vi trasmetterà maggiore sicurezza.
Tra gli accessori opzionali, invece, solitamente appare la copertina dal tessuto impermeabile. Fate attenzione che sia facilmente agganciabile e staccabile dalla configurazione (magari con clip automatizzate) e che sia protetta anche da un risvolto da poter alzare per tutelare il bambino nelle giornate particolarmente ventose.

Dove acquistare un passeggino trio

Puoi comperare un passeggino trio in un negozio qualificato e magari anche tramite un inventario, riuscire ad identificare il modello che può sembrarti più confacente alle tue necessità oppure puoi avanzare verso un acquisto online.

In Rete infatti potrai accettare di scrutare un assortimento ricco, lasciandoti accompagnare anche dalle molte recensioni dei fruitori che avranno giudicato la tipologia alla quale ti starai accostando.

Livia Carandente è una giornalista napoletana. Laureata in Comunicazione, ha collaborato con diverse testate, cartacee e televisive, e diretto dei magazine. E’ autrice e conduttrice del format televisivo “Le vie del Cuore”, dedicato a storie di fede. E’ autrice del romanzo “Quanti figli hai?”, edito da Tau. Insegna “Psicologia della Comunicazione attraverso i simboli” . Scrive di infanzia e tutto ciò che intorno ad essa ruoti. È moglie e mamma.

Back to top
menu
miglioripassegginitrio.it